Terni, nel cuore dell’Umbria, patria del Santo Valentino, noto in tutto il mondo, si erge sullo sfondo di bellezze paesaggistiche e di fermenti culturali di notevole rilievo. Non stupisce quindi che proprio il centro umbro sia stato protagonista di moltissime manifestazioni legate al giorno di San Valentino.

Segnaliamo la mostra Valentino con ghiaccio dell’artista e regista internazionale Paolo Consorti.

volto di San Valentino

L’esposizione, ospitata a Palazzo Primavera fino al 28 febbraio, rientra nel progetto di più ampio respiro Rebellio Patroni, avviato nel 2011 da Paolo Consorti in concomitanza con il 150° anniversario dell’Unità d’Italia con l’intento di percorrere la penisola celebrando la bellezza delle città ospitanti e riflettendo sulle emergenze morali del presente.

Una reinterpretazione in chiave contemporanea e simbolica dell’operato dei Santi d’Italia in cui il sacro e il profano si mescolano senza sacrilegio, poiché il concetto di santità diviene il pretesto per affrontare tematiche terrene e proporre una forma di spiritualità per il presente: i santi, col senso “simbolico” del proprio agire, diventano dei performer ante‐litteram aggirando con ironia la retorica sul decadimento morale e civile della società”.

Il Santo sui pattini

Visitando la mostra si scopre così che accanto al Santo protettore degli innamorati, raffigurato a grandezza naturale su dei pattini nell’atto di lanciare delle rose, Paolo Consorti “ha santificato” anche Elio delle Storie Tese, nei panni di San Francesco, Giobbe Covatta in quelli di San Gennaro, Luca Mangoni nelle vesti di Sant’Ambrogio ed altri, famosi e non.

Completa il progetto un corto, girato a Terni, che ruba il titolo della mostra, Valentino sul ghiaccio, scritto e diretto da Paolo Consorti, nel quale con una certa dose d’ironia, rivelando il dietro le quinte di tutto il progetto, viene svelato il senso di questo San Valentino. Gli interpreti sono l’attore Stefano Sala, la campionessa di pattinaggio Serena Angeli e poi la vera curatrice della mostra, Chiara Ronchini, Arnaldo Casali, scrittore ed agiografo, lo sponsor Camilla Camilli.

Guarda l’anteprima del video documentario

Per informazioni:

www.valentinoconghiaccio.it

Paolo Consorti e scultura San Valentino

Qualche informazione su Paolo Consorti

Nato a San Benedetto del Tronto (AP), 1964. Dopo il diploma all’Accademia di Belle Arti di Macerata e varie collaborazioni cinematografiche che lo vedono al fianco di Sergej Bondarciuck, esordisce nel ’91 con una mostra personale al Palazzo Ducale di Urbino. Da allora il suo lavoro è stato esposto in gallerie private e spazi pubblici in Italia e nel mondo. Si sono occupati del suo lavoro critici d’arte, scrittori e filosofi tra cui Hans Georg Gadamer, Achille Bonito Oliva, Pierre Restany, Marisa Vescovo, Piero Melograni, Valerio Deho’, Gabriele Simongini, Lorenzo Canova, Gianluca Marziani, Luca Beatrice, Andrea Bruciati, Pino Corrias, Sander Boschma, e molti altri. Ha partecipato tra le altre esposizioni alla 54°Biennale Internazionale d’Arte di Venezia, a due Quadriennali Nazionali d’arte, alla Biennale di Praga, alla Biennale di Mosca per la giovane arte. Ha esposto in importanti musei tra cui il Palazzo delle Esposizioni di Roma, il Palazzo delle Papesse a Siena, il Museo Madre a Napoli, Palazzo Reale a Milano e il Teatro Margherita di Bari. Ha realizzato video-installazioni in luoghi pubblici tra cui il Videopresepio “Free Tomorrow” proiettato sulla piazza di Assisi a Natale 2009. Le sue opere sono presenti in importanti collezioni private in Italia e all’estero tra cui la Svizzera Jean Pigozzi Collection. Attualmente è rappresentato dalla Gagliardi e Domke /Torino, dalla galleria Ronchini/Terni e da Anna Pappas Gallery/Melbourne.


it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

Scrivi