Fino a pochi anna fa, parlare di chirurgia estetica ingenerava sospetto e timore, per cui noi donne – un po’ in tutte le parti del pianeta – ci ricorrevamo solo se assolutamente indispensabile e con tanta apprensione. I costi, d’altra parte, erano proibitivi e anche i tempi di degenza e di recupero erano lunghi, tali in ogni caso da risultare difficilmente dissimulabili ai nostri partner, alle nostre rivali.
Bisogna riconoscere che oggigiorno la situazione è radicalmente cambiata.

La medicina infatti ha fatto passi da gigante nel perfezionare tecniche assai meno invasive e devastanti l’equilibrio complessivo del corpo, elaborando interventi mirati e personalizzati, di breve durata (si parla addirittura di lunchtime lifts), ma di lunga efficacia, spesso ripetibili ogniqualvolta che si riveli necessario.

Gli interventi si rivolgono a tutti le parti del nostro corpo, attraverso le quali non solo si esercita la nostra innata arte della seduzione, ma che risultano in qualche modo funzionali al nostro essere e comunicare in mezzo agli altri.

Luogo privilegiato di attenzione è il viso e il collo, dove il ringiovanimento si ottiene in mille modi, tendenti sempre a risultati naturali e a procedure mediche sicure, quali il laser frazionale, la luce pulsata, il peeling, la depilazione, la blefaroplastica, il lifting, l’otoplastica, la rinoplastica, l’autotrapianto dei capelli. Ma non si trascurano le braccia (con le tecniche di depilazione, di lifting e di liposcultura), il seno, con le differenti forme di mastoplastica, l’addome, i glutei, le cosce.

Alcuni esempi tra i tanti, che valgano ad illustrare le modalitá assolutamente naturali attraverso cui opera la nuova chirurgia estetica.
In primo luogo, il botulino. Come tutte sappiamo, la maggior parte delle rughe e pieghe inestetiche della faccia sono causate dalla contrazione di alcuni muscoli mimici. Il rilassamento di questi muscoli con la tossina botulinica (sul mercato italiano commercializzata come Vistabex, ma piú nota come botulino) permette di eliminare o attenuare le rughe in modo sicuro, controllabile e reversibile. Il botulino, infatti, ha un’azione specifica di blocco del rilascio della sostanza rilasciata dal nervo motore per trasmettere al muscolo lo stimolo per la contrazione (l’acetilcolina), con il conseguente effetto dell’indebolimento del muscolo nel quale la sostanza viene iniettata in piccolissime dosi. L’effetto sulle rughe è perciò indiretto. Il farmaco non serve a riempire le rughe, ma, indebolendo i muscoli, le pieghe delle pelle non si formano più e i solchi si attenuano gradualmente fino scomparire.
Oppure si pensi alla tecnica della liposuzione (nota anche come lipoaspirazione) che permette di modellare il corpo e il viso con risultati davvero entusiasmanti e durevoli, ma il cui successo dipende dal comportamento di ciascuna di noi, che solo mediante una corretta attivitá fisica e una sana alimentazione potrá tenere sotto controllo tono muscolare, peso e metabolismo.

Si pensi infine a interventi come la protesi liquida e naturale rappresentata dall’acido polilattico, che permette di curare in modo naturale la cosiddetta “buccia d’arancia”, il cui trattamento chirurgico sarebbe altrimenti piuttosto complicato, oppure alla recentissima metodica laser fractale, che da’ risultati eccellenti senza anestesia locale o sedazione e permette di trattare tutto il viso in meno di mezz’ora, con tempi di recupero assai brevi, di circa quattro giorni.

Ed è significativo che, con l’aumento delle pazienti che ormai ricorrono agli interventi di chirurgia estetica, anche i costi si sono drasticamente ridotti e ormai la spesa per la maggior parte degli interventi è contenuta tra i 200 e i 500 Euro, cioè a portata di tutte. Possiamo davvero affermare che si é trattato di una ventata di democrazia, per cui si è passato da un’utenza di pazienti tradizionalmente anziane e socialmente privilegiate, a un’ormai stragrande maggioranza di donne – per lo piú professioniste o attive fuori di casa, ma anche molte casalinghe – che, passata la prima giovinezza, intervengono in modo ragionato sugli inestetismi del proprio corpo, che inutilmente le potrebbero penalizzare. Come documenta una recente ricerca compiuta dalla Società Americana dei Chirurghi Plastici (Asaps), nella chirurgia plastica estetica non sono piú determinanti la provenienza etnica, la situazione economica e l’età. Siamo noi, le baby boomers, fans dell’intramontabile Peter Pan, che in tutto il pianeta ci siamo riappropriate del nostro corpo e lo vogliamo mantenere giovane, attivo e naturale.

A cura di Benedetta De Gasperis


www.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

A proposito dell'autore

Scrivi