Chi ha la passione per il tango sa bene quanto avvicinarsi a questo mondo così misterioso e comunicativo possa essere travolgente; lo sa molto bene anche Gabriella Toso, che dopo un primo viaggio a Buenos Aires, spinta dalla curiosità di conoscere la cultura che ha dato vita ad un linguaggio non verbale forte come quello del tango, nel 2007 è tornata in Argentina e ha deciso di rimanere lì, nel paese che ha fatto da culla al ballo più sensuale del mondo.

Punto G abito nero

E’ proprio a Buenos Aires che oggi Gabriella crea gli abiti del suo brand, Punto G, ideati per vestire la donna nelle milongas, le “sale da tango”, luoghi in cui virtuosismo espressivo e sensualità viaggiano su binari paralleli.
Vestire una ballerina non è un compito facile, spesso si finisce per creare abiti monotoni, pieni di spacchi e pizzi, troppo scontati per riuscire a conquistare la donna che c’è prima della ballerina: è per questo che Gabriella ha iniziato a creare i suoi vestiti da tango, scegliendo di comporre abiti perfetti per la danza, ma adatti anche a chi non ha il ballo nel sangue.

Le sue creazioni sono sensuali e maliziose, seguono le forme del corpo femminile senza costringerlo, perché il corpo è un mezzo per esprimersi e non può essere limitato in alcun modo.

Punto G

I modelli Punto G sono pezzi unici di qualità, realizzati a mano su misura; Gabriella non è soltanto una designer, ma anche un’attenta osservatrice capace di consigliare l’abito più adatto per ogni donna, sempre nel rispetto dell’esclusività di design e tessuti.

Potete seguire i passi di Punto G attraverso la pagina Facebook, dove qualcuno l’ha definito “il brand che comprende le donne”, compito arduo che Gabriella Toso è sicuramente in grado di portare avanti.

https://www.facebook.com/pages/Punto-g/228948273927142?ref=ts&fref=ts

 


it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

A proposito dell'autore

Scrivi