Il metodo indiano chiamato threading (dall’inglese thread, cioè filo), è un modo naturale e senza controindicazioni di epilare le sopracciglia, servendosi soltanto di un semplice filo di cotone. In realtà si tratta di una tecnica antichissima, usata già dalle donne persiane, passata successivamente nei paesi mediorientali, in India e nelle zone limitrofe; il suo nome originale è “bande abru “, dove bande significa filo e abru significa sopracciglio. Sostanzialmente, era un rito di pulizia del viso dai peli superflui, soprattutto per le occasioni speciali (in particolar modo riservato al giorno del matrimonio). In Persia, per una ragazza stava a significare il raggiungimento dell’età adulta, quella giusta per sposarsi. Il threading è un tipo di depilazione piuttosto veloce e meno doloroso di ogni tipo di ceretta e pinzetta, molto preciso ed utile per soprattutto per chi ha problemi di pelle troppo sensibile (che si arrossa facilmente). Gli abili professionisti che praticano questa tecnica, si limitano ad usare un filo in puro cotone ritorto, rigorosamente monouso, intrecciato a quattro o sei dita come una spirale ed utilizzato in maniera molto particolare: una estremità del filo viene tenuta stretta tra i propri denti (oppure viene legata al collo), mentre l’altra viene afferrata saldamente con le mani dal professionista. In questo modo, il pelo viene estirpato dalla radice, si indebolisce progressivamente e conseguentemente tende a non ricrescere più nel tempo. Il threading rappresenta un ottimo sistema anche per la rimozione di tutti gli altri peli superflui presenti sul viso, proprio grazie alla sua estrema delicatezza, qualora si preferisca non ricorrere alla ceretta.

Testo tratto da “Manuale di make-up professionale”
Copyright © 2012 ROSSANO DE CESARIS


PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

A proposito dell'autore

Scrivi