“Non intendo ora trattare del suono creativo, ma richiamo la vostra attenzione sul fatto che è creativo. Il Suono che fu il primo indizio dell’attività del Logos planetario non è una parola, ma un suono vibrante, che contiene in sé tutti gli altri suoni, tutti gli accordi e certi toni musicali (chiamati la “musica delle sfere”) insieme a dissonanze ancora ignote all’orecchio dell’uomo moderno.” (A.Bailey, Guarigione Esoterica, 688).

Il suono ci accompagna fin dall’inizio della nostra esistenza e di quella dell’intero Universo. Dalla nascita, in cui emettiamo il primo suono attraverso il vagito, alla morte in cui, esalando l’ultimo respiro, rispondiamo ad un richiamo sottile che non è percepibile all’orecchio umano, la nostra vita è accompagnata dal suono. Possiamo intendere il suono come un comando, che fa muovere l’energia in una determinata direzione, che può creare o distruggere. Ad esempio, un rumore assordante e stridente, provoca in noi tensione o ripulsa, mentre una musica soave, che è in grado di trasmetterci un benessere interiore, portando nel nostro corpo emotivo una condizione di quiete.
Il suono è vibrazione e la vibrazione è energia, per questo l’uso che ne facciamo comporta una precisa reazione nel nostro organismo. 
Già i pitagorici avevano attribuito alla musica un potere curativo: pensavano, infatti, che l’armonia musicale permetteva di ristabilire un equilibrio dove c’era uno squilibrio, favorendo la guarigione.
Gli antichi Greci curavano le ferite con il canto ed utilizzavano anche gli strumenti, come la cetra, per agevolare la guarigione.
Il timbro, il ritmo e la melodia possono influenzare non solo il corpo ma anche la psiche. Oggi sappiamo che il suono condiziona il sistema nervoso, eccitando alcune parti del cervello o favorendo la calma. L’antichissima usanza di cantare una ninna nanna al bambino non è altro che utilizzare una musica lenta e quasi mono-tòna (con poche note), in modo da aiutare il rilassamento e l’addormentamento.
Se il suono è così collegato al sistema nervoso, può essere utilizzato come potente strumento per indurre alcuni stati mentali od emotivi volti, ad esempio, a ripristinare il benessere o ad acquisire maggiore consapevolezza.
Il suono, inteso come vibrazione che trasmette energia e da un impulso alla materia, è, di fatto, fondamentale per il miglioramento della vita dell’uomo e per la sua evoluzione.

Lucia Tassotti

Associazione Dhyana Onlus


PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

A proposito dell'autore

Scrivi