Piccole perle, gancetti, pinze, ma anche pennelli, cacciaviti, legnetti.
Giuliana sin da piccola osserva e ammira le mani veloci della mamma e della nonna mentre ricamano o lavorano a maglia ed è accolta nel laboratorio del papà, luogo magico di falegnameria e fai da te dove può sperimentare la propria creatività.
Dopo aver ammirato e respirato l’aria delle cose fatte da sé era quasi inevitabile che la piccola Giuliana si appassionasse alle arti: “Volevo fare la stilista e quindi il mio gioco preferito era creare paper dolls con tutta una serie di abiti che disegnavo e coloravo.
Allora, non c’erano nella mia città istituti d’arte e quindi con grande rimpianto ho frequentato un istituto tecnico, dove disegnavo pin up mentre ascoltavo lezioni di diritto e ragioneria, in compenso la mia compagna di banco andava dalla sarta ad imparare a cucire e quindi io disegnavo i modelli e lei cuciva per me”
Giuliana esprime la sua creatività nelle varie forme: pittura, maglia, cucito, uncinetto, ricamo e tanto altro: ogni volta che qualche tecnica attirava il suo interesse, diventava una sfida provare e riuscire. E forse già cercava la sua personale strada… “Un giorno si ruppe un orecchino che amavo molto e tentai di ripararlo, con il risultato di creare qualcosa di nuovo e stimolare la voglia di giocare con perle e colori, materiali non così diffusi allora il che mi portò a smontare vecchie collane che avevo in casa e ad usare gli attrezzi di mio padre per creare una vera piccola ‘collezione’”.

10362986_10201808948056710_1805175507_n

Hai ancora i tuoi primi lavori?

‘Si , li conservo ancora, in realtà non li ho mai venduti perché rappresentano i miei sforzi per riuscire, per imparare. Nel frattempo una cooperativa sociale di donne “Gettini di Vitalba” promuove una mostra dedicata alla creatività femminile “Maste (maestre) in Mostra” e incoraggiata da mio marito decido di partecipare. Diventa un appuntamento fisso in cui mi confronto con altre donne, cresco, miglioro”.

967506_10201808958576973_1061001612_n

Questa esperienza ha avuto un seguito…

“E’ vero, un’amica creativa che si occupa di teatro mi ha proposto di far parte dell’associazione culturale “Multitracce che ha lo scopo di promuovere ogni forma di arte, sono diventata il referente per l’artigianato.
Da quest’anno abbiamo una sede e un laboratorio, un grande tavolo dove incontrarsi e lavorare insieme, ciò mi rende molto felice e motivata. Chi sceglie l’hand made non sceglie solo un oggetto ma l’origianalità, la storia e il calore che quell’oggetto trasmette. Creare gioielli è diventato il mio mondo, ed è un mondo bellissimo senza schemi, senza limiti, dove un giorno creo gioielli da principessa…un altro eleganti giri di perle o leggiadre collanine di fiori delicati”.

10361133_10201808966337167_764773800_n

Da cosa è influenzato il tuo stile?

“Amo molto i gioielli d’epoca, mi ispira l’arte Bizantina, questo grazie alla terra dove vivo e ai famosi orafi della mia città (Gerardo Sacco ecc.) e naturalmente l’arte Greca visto le origini di Crotone, ma anche i bellissimi colori del mio mare. Mi piace usare sia materiali semipreziosi come argento, pietre naturali ,che materiali piu poveri come ottone e resine per ottenere una unione armoniosa di forme e colori. Certamente per chi fa gioielli è necessario essere molto curiosi, guardarsi intorno pronti a cogliere spunti da qualsiasi cosa…”
Anche i colori di una casa? Di un fiore?
“Certo, la natura, l’arte, l’architettura sono fonti di ispirazione continua. Mentre tra i magazine patinati ho sempre preso Vogue come bussola di buon gusto ed eleganza”.

10327297_10201808958736977_710030521_n

Credo però che la creatività non ha limiti ne di materiali

colori, e comunque anche se preferisco le forme neoclassiche del gioiello mi piace aggiornarmi sui trend del momento e Vogue, è sempre stata come rivista, una delle mie muse ispiratrici.

10335670_10201808954496871_641475694_n

Tu sei molto legata alla tua terra, la Calabria…

“Moltissimo. Ho partecipato ad eventi dedicati alla creatività in vari paesi della Calabria. Esperienze che mi arricchiscono soprattutto dal punto di vista umano, i mercatini, i viaggi, le nuove conoscenze, il rapporto con la gente che apprezza quello che faccio mi da nuova carica e voglia di creare” .

Da qualche anno ho una mia pagina su Facebook : GM Bijoux https://www.facebook.com/pages/GM-Bijoux/127765960588758 dove condivido alcuni dei miei lavori e le mie esperienze. Chi vuole una delle mie creazioni può contattarmi lì.


PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

A proposito dell'autore

Scrivi