L’eye-liner è quel prodotto cosmetico prettamente usato per la delineare graficamente la bordatura dell’occhio. Esso si applica per tracciare la bordatura superiore dell’occhio, difficilmente su quella inferiore. La riga di eye-liner può essere di due tipi: grafico oppure infracigliare. Il primo è quella riga spessa e netta tipica dei trucchi anni ’50 e ’60 per intenderci (che tanto sembra essere tornata di moda in questi ultimi anni), che contorna l’occhio in maniera decisa ed evidente, adatta per lo più ad occhi grandi e piuttosto giovani,poiché tende ad indurire lo sguardo.

Essa si traccia in maniera che parta molto sottile in prossimità dell’angolo interno dell’occhio, facendola inspessire verso il centro, per farla terminare nuovamente sottile ed affusolata in prossimità dell’angolo esterno.Il secondo tipo invece, è una riga sottilissima che si traccia lungo la rima ciliare superiore, per rendere le ciglia più unite e l’occhio più definito, ma con un risultato decisamente più naturale rispetto al tipo grafico. Una volta applicato, l’eye-liner non può essere sfumato come una normale matita, per via della velocissima essiccazione (che avviene entro pochi istanti).

Per applicarlo al meglio è consigliabile tracciarlo in due riprese, dapprima la parte da metà occhio verso l’esterno e poi disegnando la riga partendo dall’angolo interno verso la metà dell’occhio, congiungendo i due tratti, cercando di guardare in basso ed in direzione opposta alla parte in cui si sta lavorando (in modo che la pelle si distenda). Per distanziare occhi ravvicinati, può essere di grande aiuto tracciare una riga di eye-liner che parta da un quarto dell’occhio circa e si allunghi verso l’esterno, se invece si vuole cercare di ravvicinare occhi distanti, la riga va disegnata partendo dal punto più interno dell’occhio. Nel caso in cui la palpebra sia eccessivamente rilassata, l’uso dell’eye-liner è sconsigliato, in quanto tende a scomparire quasi del tutto sotto la piega palpebrale.

In commercio ne esistono di infiniti colori, ma nel trucco correttivo si usano prevalentemente il nero ed il marrone. Inoltre, l’eye-liner è disponibile in due forme diverse: automatico oppure in pasticca idrosolubile (cake). Il primo tipo è dotato di un pennellino svitabile ed estraibile, già pronto all’applicazione, più adatto per il self make-up. Il secondo tipo, più professionale, deve invece essere applicato tramite un pennello a punta fine inumidito nell’acqua, con la quale scioglierlo, prelevarlo ed applicarlo direttamente sulla palpebra (ottenendo un risultato più preciso rispetto al tipo automatico). Inoltre, è bene sapere che per make-up repellente all’acqua esiste in commercio la formulazione water-proof, un prodotto con una formulazione ricca di sostanze come l’isodecano e il film former.

Testi tratti da “Manuale di Make-up professionale”
© ROSSANO DE CESARIS – Roma, 2013


it.pdf24.org    Invia l'articolo in formato PDF   

A proposito dell'autore

Scrivi