Editore: Erickson
Collana: i mattoncini
Anno edizione: 2012
Pagine: 100 p.
Autore: Michela Marzano
Genere: filosofia, saggistica

 

Chi di voi non ha delle ferite? Possono essere più o meno grandi, alcune magari non si sono ben cicatrizzate, mentre altre tendiamo a coprirle sotto strati e strati di tessuto; ma la verità è che sono sempre lì. Michela Marzano, da brava filosofa, compie un analisi precisa della nostra società prettamente conformista, dove tutto deve essere controllato, standardizzato. Ambiamo ad avere un corpo perfetto, un lavoro perfetto, relazioni perfette, tutto al momento giusto…Ma poi quando arriva l’inaspettato, cosa succede?

“L’altro” ci fa paura, è il nostro nemico più grande poiché non lo conosciamo, ci paralizza e fa emergere qualcosa all’interno di noi che ci mostra una realtà differente rispetto a quella a cui siamo normalmente abituati. Nel libro l’autrice racconta la storia della sua battaglia contro l’anoressia, che in qualche modo ha smontato un po’ quell’immagine da ragazza modello che si prodigava tanto a mostrare alle persone, con conseguenza che aveva soffocato ciò che Michela era realmente. La nostra prima reazione davanti all’altro è l’autodifesa, il cercare di controllare quella paura dell’ignoto; ma la verità è che più cerchiamo di dominarla, più ci sfugge di mano, un po’ come quando proviamo a stringere l’acqua in un pugno. Allora cosa fare?

Prima di tutto bisogna rassegnarsi all’idea di non essere “perfettamente adatti”, di non sottomettersi per sopravvivere, di uscire dai pensieri tossici e gestire le nostre fragilità, senza alienare ciò che siamo. Qui entra in gioco il concetto di fiducia, che oggi viene equiparata alle parole credito e credibilità, ma in realtà ha tutt’altro significato poiché in sé contiene il germe del pericolo. La fiducia è una scommessa umana, non da certezze anzi, implica la possibilità di essere delusi o peggio, traditi. Per questo viaggia di pari passo con la fede: a tutti noi è capitato almeno una volta nella vita di avere un amico, un genitore o un’altra figura che nonostante si sia dimostrato non proprio affidabile nei nostri confronti, gli abbiamo continuato ad accordare la nostra fiducia. Dunque non c’è garanzia, non c’è certezza: bisogna vivere con la consapevolezza che ogni persona ha i suoi lati oscuri. Il messaggio forte che traspare dalle pagine di questo libro è quello di avere in primis fiducia in sé stessi, inteso come accettarsi in toto, per quello che si è, anche se leggermente ammaccati perché infondo sono proprio quelle pieghe che ci rendono unici.

 

A proposito dell'autore

Scrivi