Quante volte abbiamo sognato di compiere uno di quei viaggi dalla V maiuscola in un luogo lontano e misterioso, differente dalla nostra quotidianità quasi che si trovasse in un universo lontano e irraggiungibile.
Ebbene come ci spiega Demelza Wilkes, una lettrice del nostro portale, la Bolivia regala lo stesso tipo di sensazioni. Ma lasciamo che sia lei stessa a condurci per mano in questa magica terra con il primo di una serie di articoli ad essa dedicati

Catedral_Metropolitana_de_La_Paz
Della Bolivia si parla poco e se ne sa ancora meno, e questo è un vero peccato perchè questo Paese racchiude alcuni tra i paesaggi più straordinari del pianeta, una cultura indigena viva e vitale, ricca di tradizioni, un’eccezionale biodiversità e vestigia archeologiche. Certo, un buon spirito di adattamento è necessario se si vuole visitare in maniera approfondita il Paese, ma i costi mai eccessivi, la presenza di pochi turisti, la straordinaria varietà del territorio, i panorami mozzafiato, gli spazi e i silenzi, una popolazione sempre disponibile e semplice fino all’ingenuità, ma legatissima ai suoi usi e costumi, ne fanno una meta degna del viaggiatore più esigente.
Centro politico e culturale della Bolivia, nonché sua capitale, è La Paz.
la-paz-bolivia-776712
La Paz fu fondata dal capitano Alonso de Mendoza il 20 ottobre del 1548. Il suo nome completo è Nuestra Señora de La Paz e commemora la pace dopo la guerra civile che seguì l’insurrezione di Gonzalo Pizarro, fratello del conquistador Francisco Pizarro, contro Blasco Núñez de Vela, primo Viceré del Perù. Si trova ad un’altitudine media di circa 3.600 mslm ed è universalmente nota come la capitale più alta del mondo, anche se la capitale di Bolivia non è La Paz, ma Sucre, mentre che la città de La Paz e solo sede di governo. La Paz costituisce il nucleo abitativo più popolato della Bolivia.
La Paz è una città molto particolare, non soltanto per la sua altitudine, ma anche per il suo passaggio dominato dai picchi innevati delle Ande tra i quali spicca quello inconfondibile del Nevado Illimani che raggiunge i 6.462 m. La vivacità de la città è dovuta ai suoi stessi abitanti, soprattutto le donne che vanno in giro infagottate in vestagliette a disegni minuti corredate da scialli a lunghe frange e il particolare del loro abbigliamento che maggiormente attrae l’attenzione è un buffo e stretto cappelletto dalla foggia. Inoltre i numerosi mercati che si possono trovare nella città vantano di erbe e intrugli vari ai quali la credenza popolare attribuisce effetti curativi, come per esempio il feto di lama, il quale deve essere deposto nella terra dove si costruirà un ponte o una casa, come segno di buon auspicio.
witches_market2
In questa città ci sono tante cose da vedere, alcune tra quelle più emblematiche ed importanti sono: la Cattedrale, nella Plaza Murillo che data al 1835, con il suo Museo; la Chiesa di San Francesco, che risale alla metà del XVIII secolo e fu costruita sul luogo di una precedente chiesa innalzata nel 1548, lo stesso anno della fondazione della città; il massiccio di Chacaltaya, che si trova a soli 25 km dalla città a una quota di 5421 mslm e il Valle de la Luna a 10 km a sud della città offre uno spettacolo singolare per le peculiari conformazioni rocciose che caratterizzano questo labirinto di canyon e pinnacoli.


PDF24    Invia l'articolo in formato PDF   

A proposito dell'autore

Scrivi